Ghali – Cara Italia

Un tributo all’Italia, Ghali a pochi giorni dall’uscita del suo nuovo singolo  – Cara Italia – sta conquistando fans alla velocità della luce, per non parlare delle visualizzazioni su Youtube che tra poche ore raggiungerà i 13 milioni.

Sarà il testo o forse perché unisce i ragazzi della seconda generazione nati o cresciuti in Italia.

Il pezzo è straordinario, nel testo si mischia in modo armonico anche le parole di Giorgio Gaber “Qual è la differenza tra sinistra e destra. Cambiano i ministri ma non la minestra. Il cesso è qui a sinistra, il bagno è in fondo a destra” 

Artista a tutto tondo, con una capacità di scrittura  notevole, è impossibile non essere trascinati dalla musica e dal testo di Ghali.

La profondità di questi versi smuovono non solo i giovanissimi ma tutte le generazioni, in special modo le seconde generazioni, questi ultimi si immedesimano nelle vicissitudini quotidiane della vita. Di seguito il testo della canzone:

Fumo, entro, cambio faccia
Come va a finire si sa già
Devo stare attento, mannaggia
Se la metto incinta poi mia madre mi…
Perché sono ancora un bambino
Un po’ italiano, un po’ tunisino
Lei di Portorico, se succede per Trump è un casino
Ma che politica è questa?
Qual è la differenza tra sinistra e destra?
Cambiano i ministri ma non la minestra
Il cesso è qui a sinistra, il bagno è in fondo a destra
Dritto per la mia strada
Meglio di niente, más que nada
Vabbè, tu aspetta sotto casa
Se non piaci a mamma tu non piaci a me
Mi dici: “Lo sapevo” ma io non ci credo
Mica sono scemo
C’è chi ha la mente chiusa ed è rimasto indietro
Come al Medioevo
Il giornale ne abusa, parla dello straniero come fosse un alieno
Senza passaporto, in cerca di dinero

Io mi sento fortunato
Alla fine del giorno
Quando sono fortunato
È la fine del mondo
Io sono un pazzo che legge, un pazzo fuorilegge
Fuori dal gregge, che scrive: “Scemo chi legge”

Oh eh oh, quando il dovere mi chiama
Oh eh oh, rispondo e dico: “Son qua”
Oh eh oh, mi dici: “Ascolta tua mamma”
Oh eh oh, un, dos, tres: sono già là
Oh eh oh, quando mi dicon: “Vai a casa!”
Oh eh oh, rispondo: “Sono già qua”
Oh eh oh, io t.v.b. cara Italia
Oh eh oh, sei la mia dolce metà

Aspè, mi fischiano le orecchie
Suspense, un attimo prima del sequel
Cachet non comprende monete
Crash Bandicoot raccogli le mele
Nel mio gruppo tutti belli visi
Come un negro bello diretto a Benin City
Non spreco parole, non parlo con Siri
Felice di fare musica per ragazzini
Prima di lasciare un commento, pensa
Prima di pisciare controvento, sterza
Prima di buttare lo stipendio, aspetta
Torno a Baggio, io non me la sento senza
Shakera!
Il tuo telefono forse non prende nell’hinterland
Finiti a fare freestyle su una zattera in Darsena
La mia chat di WhatsApp sembra quella di Instagram
Amore e ambizione già dentro al mio starter pack
Prigionieri di Azkaban fuggiti da Alcatraz
Facevamo i compiti solo per cavarcela
Io mi sento fortunato
Alla fine del giorno
Quando sono fortunato
È la fine del mondo
Io sono un pazzo che legge, un pazzo fuorilegge
Fuori dal gregge, che scrive: “Scemo chi legge”

Oh eh oh, quando il dovere mi chiama
Oh eh oh, rispondo e dico: “Son qua”
Oh eh oh, mi dici: “Ascolta tua mamma”
Oh eh oh, un, dos, tres: sono già là
Oh eh oh, quando mi dicon: “Vai a casa!”
Oh eh oh, rispondo: “Sono già qua”
Oh eh oh, io t.v.b. cara Italia
Oh eh oh, sei la mia dolce metà
Oh eh oh
Oh eh oh
Oh eh oh
Oh eh oh
Oh eh oh, quando il dovere mi chiama
Oh eh oh, rispondo e dico: “Son qua”
Oh eh oh, mi dici: “Ascolta tua mamma”
Oh eh oh, un, dos, tres: sono già là
Oh eh oh, quando mi dicon: “Vai a casa!”
Oh eh oh, rispondo: “Sono già qua”
Oh eh oh, io t.v.b. cara Italia
Oh eh oh, sei la mia dolce metà

Il team di Ghali ci ha visto lungo tant’è che hanno già un shop online dove si possono acquistare gadget e magliette, sul  sito stoclothing.com  leggiamo:

STO è un marchio per le persone, dalle persone.
Iniziato nel 2015 e progettato a Milano da un collettivo di giovani ragazzi STO nasce con l’intento di creare una linea street fashion con un design moderno, mescolando stili classici con elementi contemporanei.”

Che dire non vediamo l’ora che esca il prossimo singolo!